Home / All Posts / news / Germania, pianificavano attentati a stranieri...

Germania, pianificavano attentati a stranieri per il 3 ottobre: arrestati sei neonazisti

Germania, pianificavano attentati a stranieri per il 3 ottobre: arrestati sei neonazisti

Germania, pianificavano attentati a stranieri per il 3 ottobre: arrestati sei neonazisti

Articolo ripreso da La Stampa a questo link

Sei neonazisti sono stati arrestati in Germania, con l’accusa di aver fondato un gruppo terroristico. Secondo la polizia, pianificavano attentati contro stranieri. Gli arresti sono avvenuti in Sassonia e in Baviera. I terroristi si erano dati il nome di «Rivoluzione Chemnitz», dal nome della città della Sassonia teatro di una vera “caccia allo straniero”, scattata nell’agosto scorso dopo la morte di un medico tedesco di 35 anni, aggredito e accoltellato da alcuni profughi, fra cui un siriano e un iracheno poi arrestati.

 

Gli arrestati appartengono agli ambienti neonazi, agli hooligan e agli skinhead. Si tratta di giovani di età compresa fra 27 e 30 anni. Secondo le indagini della procura federale, che ha emesso i mandati di arresto, il gruppo aveva già provato a procurarsi armi semiautomatiche. Fra gli obiettivi ci sarebbero stati stranieri e anche politici di orientamento diverso dal proprio. Alle operazioni di polizia hanno partecipato oggi circa 100 agenti. Cinque delle persone arrestate avevano già preso parte agli scontri di Chemnitz, e sono accusate di aver aggredito e ferito diversi cittadini stranieri sul posto in quell’occasione. L’attacco a Chemnitz doveva valere come prova generale per altri agguati pianificati per il 3 ottobre, data in cui in Germania si festeggia la Riunificazione.

 

Gli scontri ad agosto  

La città era stata attraversata da violenti proteste da parte di militanti dell’estrema destra e del movimento neonazista che avevano strumentalizzato il fatto di sangue per inscenare a Chemnitz vere e proprie ronde, scontri con la polizia e macabre adunate notturne con tanto di fiaccole, lancio di bengala e saluti nazisti. Un’orgia di violenza e d’intolleranza xenofoba che aveva chiamato in campo lo stesso Alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Read al Hussein: «Chiunque sia stato a uccidere deve essere punito, ma ciò che è accaduto in Sassonia nei giorni scorsi è veramente scioccante».

Related posts